Gli obiettivi dell’Unesco nell’Agenda 2030

Venerdi’ 23 novembre 2018 presso l’Aula Magna della facoltà di Ingegneria ed Architettura, in collaborazione con l’Università di Cagliari,  si è svolto un incontro dibattito su

Gli obiettivi dell’Unesco nell’Agenda 2030

La presidente nazione della FICLU (Federazione Italiana delle Associazioni e Club per l’Unesco) prof.ssa Maria Paola Azzario con l’ausilio di bellissime slides ha parlato dell’Unesco in generale e dei suoi obiettivi, che vorrebbe raggiungere entro il 2030.

l’indicazione a vederli nell’ottica dei Diritti Umani, gli impegni concreti che i Club e Centri stanno realizzando per gli obiettivi 4, 5 ed 11.

il Protettore prof. Gianni Fenu ha incentrato il suo intervento con l’obiettivo 1 e 13 spiegando quanto ha fatto e sta facendo per far sì che i giovani laureati in informatica continuino a trovare, come ora subito lavoro.

Ha concluso gli interventi la presidente di Cagliari, prof. ssa Stella Piro Vernier sul l’obiettivo 14 sulla salvaguardia degli oceani e dei mari, focalizzando l’attenzione sul flagello della plastica. Ha messo in evidenza il fatto che per ridurre la plastica  si potrebbe incominciare con il  sostituire nei distributori le bottigliette per l’acqua di plastica con  quelle di vetro come avviene già in altri Paesi. È seguito un vivace ed appassionato dibattito sull’importanza dei riconoscimenti nel Patrimonio materiale ed Immateriale UNESCO. 

(nella foto Gianni Fenu, Stella Piro Vernier, Maria Paola Azzario)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *